Blog

2 luglio 2018

Umbria Jazz, 45 anni e non sentirli a Perugia

Umbria Jazz, 45 anni e non sentirli

Umbria Jazz, 45 anni e non sentirli

Umbria Jazz, 45 anni e non sentirli

Quarantacinque anni e non sentirli. Torna Umbria Jazz per una edizione da ricordare. Si confermano ovviamente la qualità e la ricchezza delle proposte, in una formula di livello, che ha saputo rinnovarsi e adeguarsi ai tempi. L’avvio è previsto il prossimo 13 luglio e si andrà avanti fino al 22, con concerti ed esibizioni in tutto il centro storico. 

Umbria Jazz si articola anche quest’anno nelle consuete tre sedi principali: l’Arena Santa Giuliana per i grandi eventi in prima serata; il teatro Morlacchi per i concerti jazz del pomeriggio, serali e ‘round midnight; la Galleria Nazionale dell’Umbria per le performance di mezzogiorno nella Sala Podiani. Tornano le jam sessioni notturne (nel ristorante da Cesarino) e gli appuntamenti enogastronomici a pranzo e cena alla Bottega del Vino e a pranzo alla Taverna.

Confermati gli eventi gratuiti all’aperto, in piazza IV Novembre e ai Giardini Carducci, tutti i giorni, da mezzogiorno fino delle ore piccole, circa centoquaranta concerti gratuiti, vero tratto distintivo del festival, e i Funk Off come di consueto elettrizzano il centro storico di Perugia con le loro street parade quotidiane. Anche la partnership con il Berklee College of Music di Boston (le Clinics, che permettono a circa duecento iscritti di studiare musica in modo innovativo) è di ritorno. In tema di giovani e musica, si svolge per il settimo anno consecutivo il concorso organizzato da Conad e Umbria Jazz per scoprire e valorizzare i nuovi talenti del jazz.

Novità di quest’anno sono i concerti aperitivo e quelli serali in un locale del centro storico, Umbrò.

Serata di apertura al Santa Giuliana dedicata a Quincy Jones per il suo 85esimo compleanno. Sul palco dell’arena Santa Giuliana sono attesi, presentati dallo stesso Jones, Patti Austin, i Take 6, Dee Dee Bridgewater, Noa con Gil Dor, Ivan Lins, Alfredo Rodriguez e Pedrito Martinez. Ospite speciale Paolo Fresu. La Umbria Jazz Orchestra suonerà gli arrangiamenti originali di Quincy Jones.

Il 14 luglio Gilberto Gil rilegge il suo celebre disco “Refavela”. Margareth Menezes, una delle personalità più prorompenti della scena brasiliana, apre la serata. Il 15 luglio l’arena ospita Stefano Bollani (che presenta il ultimo disco, “Que Bom”) e Caetano Veloso con i suoi tre figli musicisti. Il 16 luglio è la volta dei Massive Attack. Ad aprire la serata gli Young Fathers. Spazio il 17 luglio a uno dei fenomeni sonori più amati di oggi, The Chainsmokers (per l’unica data estiva italiana). Ancora grandi (e giovani) fenomeni internazionali il 18 luglio. E’ infatti il momento di Somi (e del suo New African Jazz) e del grandioso Benjamin Clementine, pianista e multistrumentista, songwriter e poeta, e voce dalla incredibile espressività.

Il 19 luglio il palco è di un nome che non ha bisogno di presentazioni: Pat Metheny con il suo Quartetto. A precederlo, il quintetto di Kyle Eastwood, contrabbassista e figlio di Clint Eastwood. E’ David Byrne (musicista, produttore discografico, fotografo, regista) il protagonista della serata del 20 luglio. Sono ben tre invece i set del 21 luglio: Mario Biondi; la talentuosa Nik West; e la band di ottoni Hypnotic Brass Ensemble. Per la giornata di chiusura del festival, il 22 luglio, Melody Gardot e l’omaggio di Gregory Porter a Nat ‘King’ Cole con l’Umbria Jazz Orchestradiretta da Vince Mendoza.

AL TEATRO MORLACCHI LE STELLE DEL JAZZ

Come da tradizione, il teatro Morlacchi è il cuore pulsante di Umbria Jazz, Ecco gli straordinari ospiti di questa edizione.

CONCERTI POMERIDIANI

13 luglio – I Caraviaggianti  produzione originale ideata da Rita Marcotulli. Lavoro multimediale ispirato al Caravaggio, con testi e voce narrante sono di Stefano Benni.In anteprima a Umbria Jazz.

14 luglio – Paolo Fresu Devil Quartet

16 luglio – Lumina – opera di Paolo Fresu, con Carla Casarano (voce), Leila Shirvani (cello), Marco Bardiscia (contrabbasso), William Greco (pianoforte), Emanule Maniscalco (batteria e percussioni).

17 luglio – No Eyes- Meditations Around Prez – Emanuele Cisi/Dino Rubino/Rosario Bonaccorso/Adam Pache. Omaggio a Lester Young.

18 luglio – Igor Butman & Moscow Jazz Orchestra

19 luglio – Fabrizio Sotti Trio

20 luglio – Not A What- Fabrizio Bosso, Aaron Burnett, Giovanni Guidi, Dezron Douglas, Jeo Dyson

21 luglio – The Italian Trio, Dado Moroni/Rosario Bonaccorso/Roberto Gatto

22 luglio – La Fondazione Musica per Roma presenta la New Talents Jazz Orchestra di Mario Corvini: “Our Monk – Extempora” con Daniele Tittarelli e Roberto Gatto.

CONCERTI SERALI E ROUND MIDNIGHT

14 luglio, round midnight – Take 6 “Tribute To Al Jarreau”

15 luglio, round midnight- Roy Hargrove Quintet

16 luglio, ore 22 – Kurt Elling Quintet con Marquis Hill

17 luglio, ore 22 – Billy Hart Quartet con Joshua Redman

18 luglio, round midnight – Brad Mehldau Trio

19 luglio, round midnight – Sergio Cammariere Quintet con Amedeo Ariano, Luca Bulgarelli, Bruno Marcozzi, Daniele Tittarelli

20 luglio, round midnight Mingus Big Band

21 luglio, ore 22 – Vijay Iyer Sextet

IL JAZZ TRA I TESORI DELLA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA

Tornano i concerti nel museo che custodisce la grande arte del Medioevo e del Rinascimentoumbro e dell’Italia centrale: show indimenticabili, alla Galleria Nazionale dell’Umbria, che per l’occasione ospita anche la mostra di uno dei maestri della fotografia di musica, Guido Harari. Tra i live in programma, Stefano Battaglia, Gianluca Petrella & Pasquale Mirra, Gianni Coscia, Ethan Iverson, la Daniele Di Bonaventura Band’Uniòn, Danilo Rea, Dan Kinzelman’s Ghost, Antonello Salis e Simone Zanchini, Francesco Ponticelli, Francesco Diodati, Filippo Vignato.

 

News