Blog

27 giugno 2019

Festival dei Due Mondi apre con “Proserpine”

Festival dei Due Mondi apre con “Proserpine”

Festival dei Due Mondi apre con “Proserpine”

Festival dei Due Mondi apre con “Proserpine”

 

Il Festival dei Due Mondi di Spoleto spegne 62 candeline con un’edizione importante, in programma dal 2 al 10 luglio. Si apre con “Proserpine”, di Silvia Colasanti. E’ questa l’opera che inaugurerà l’edizione 2019. Un’opera lirica in due atti è tratta dall’omonimo dramma di Mary Shelley «inedito in Italia» e prodotto dal Festival di Spoleto, con le scenografie di Sandro Chia.

 

Ma arriverà a Spoleto, nel primo weekend, anche Eleonora Abbagnato (30/6), al teatro Romano insieme alle stelle italiane che illuminano i teatri internazionali, anche se prima dell’étoile la danza a Spoleto apre il proprio cartellone con l’omaggio in tre atti a Rodolfo Valentino dei giovani ballerini dell’École-Atelier Rudra Béjart. Al chiostro di San Nicolò, invece, arrivano tra i più noti attori giapponesi del teatro nō, che porteranno in scena uno spettacolo alla luce del falò (28-29/6).

 

Teatro nō e Kabarett Un assaggio nella suggestiva atmosfera dell’antiche forme tradizionali di teatro giapponese. Sempre al San Nicolò, ma nella sala convegni, il programma della prosa si arricchisce subito di Berlin Kabarett con Marisa Berenson, che integra il pubblico nello spettacolo, facendolo accomodare in tavoli illuminati stile anni Venti, con tanto di flute. Per lei, soprannominata It girl da Yves Saint-Laurent, il Due Mondi segna in cartellone ben dieci repliche.

 

Da Medellin e dai conservatori italiani Al Nuovo Menotti è attesa subito l’Orquesta filarmonica de Medellìn (29/6) che segna la presenza del festival di musica internazionale di Cartagena che a Spoleto porta le musiche commissionate al compositore umbro Carlo Pedini più quelle di cinque compositori colombiani. Concerti di mezzogiorno e della sera anche a Sant’Eufemia, dove sono attesi i musicisti dei conservatori italiani. Inizieranno invece il 2 luglio i concerti jazz nell’area dell’anfiteatro abbandonato, dove sono attesi gli studenti del Morlacchi di Perugia.

Ecce RobotTra gli eventi del primo weekend anche Ecce Robot lo shot movie della Fondazione Carla Fendi che racconta l’impatto dell’intelligenza artificiale e della robotica sulla società contemporanea (30/6) e che fa il paio con l’installazione Neural Mirror nella ex chiesa della Manna d’Oro

News