Blog

29 marzo 2019

Agriumbria, attesi oltre 75mila visitatori a Bastia Umbra

Agriumbria, attesi oltre 75mila visitatori

Agriumbria, attesi oltre 75mila visitatori

Agriumbria, attesi oltre 75mila visitatori

 Tre giorni, oltre 60 tra appuntamenti tecnici, presentazioni e dimostrazioni pratiche, 600 solo i capi di bovini presenti nei ring e nelle stalle e oltre 75.000 visitatori attesi. Questi i numeri che danno la dimensione di Agriumbria 2019, la fiera dell’agricoltura, zootecnica e alimentazione che fino a domenica 31 marzo sarà al centro del mondo agricolo italiano. Molte le novità, le tendenze e le innovazioni tecniche e tecnologiche che saranno presentate nei diversi settori produttivi. Un programma di incontri che mette insieme mondo accademico, imprenditori e agricoltori, associazioni di categoria e politica per un approccio tra nuovi modelli di business e sostenibilità sociale e ambientale delle produzioni. Un’impostazione fortemente voluta da Lazzaro Bogliari, presidente di Umbriafiere Spa, che come spiega: “In fiera c’è il presente e il futuro dell’agricoltura, un futuro che non può prescindere dalla sostenibilità dei processi e dalla qualità, tracciata e certificata, del nostro made in Italy”.

Ad inaugurare l’edizione 2019, venerdì 29 marzo, alle 9.15, presso il centro congressi di Umbriafiere a Bastia Umbra, interverranno: l’Onorevole Filippo Gallinella, Presidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati; Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria; Fernanda Cecchini, assessore alle Politiche agricole della Regione Umbria; Stefano Ansideri, sindaco del Comune di Bastia Umbra; Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia; Lazzaro Bogliari, presidente Umbriafiere Spa e un rappresentante della delegazione tunisina.

Da quel momento e per tre giorni (la fiera prosegue fino a domenica 31 marzo) l’Umbria sarà al centro del Paese per quanto riguarda i temi legati all’agricoltura, alla zootecnia e all’agroalimentare. Tante le aziende e le eccellenze nazionali e regionali presenti in fiera. Al centro la parte zootecnica con ben tre rassegne nazionali e tanti appuntamenti per gli allevatori. Attenzione anche a famiglie e occasioni per buongustai con gli stand delle eccellenze gastronomiche delle diverse regioni italiane. E poi anche animali da compagnia e da cortile, sementi, fiori e piante rare, attrezzi e prodotti per il giardinaggio e la vita all’aria aperta.

Tra gli appuntamenti va segnalata, alle 12.30, presso lo stand Italialleva, area zootecnica, la presentazione di Agrilevante 2019 (Bari 10-13 ottobre). Nell’edizione 2019 di Agrilevante ci sarà la presenza, in termini organizzativi, anche di Agriumbria, grazie alla quale sarà possibile, in collaborazione con l’Associazione Italiana Allevatori, dare vita ad una nuova sezione dedicata agli animali da allevamento, con la presenza di razze pregiate di bovini, equini e ovi-caprini. Un settore, quello zootecnico, nel quale la rassegna umbra vanta una notevole esperienza e competenza, requisiti che risulteranno preziosi per il successo della rassegna pugliese.

La presenza internazionale ad Agriumbria vedrà un ulteriore incremento in questa edizione numero 51. Grazie alla collaborazione sempre più stretta tra Umbriafiere e Federunacoma (Federazione nazionale costruttori macchine per l’agricoltura), durante l’edizione 2019 saranno ospitate sul territorio e in fiera le delegazione di imprenditori provenienti dai mercati dei Balcani e dell’Est Europa. Si sono accreditati infatti operatori provenienti da: Ucraina, Croazia e Albania.

News